Weight loss

sabato 24 agosto 2013

#Day 24. Insensibilità familiare.

Giorno 24: Talk about something you did for you today – emotionally, physically, etc.-Parla di qualcosa che hai fatto per te oggi-in senso emotivo, fisico, etc.

Vorrei poter dire di essermi concessa chissà quale sfizio o divertimento, ma la verità è che è da molto tempo che non mi concedo qualcosa. Intendiamoci, non è che lo faccio volontariamente, ma semplicemente ormai mi viene spontaneo non perdere tempo in troppe cure fisiche o attività di relax. E' come se non mi ritenessi meritevole di passare del tempo nel prendermi cura di me stessa (fisicamente/emotivamente), e aspettassi di perdere quei chili di troppo per iniziare a vivere davvero.
Dimagrire è l'unica cosa che, a parer mio, si avvicina al concetto di cura del corpo. 
Per il resto zero.
Capelli? Saranno 5 mesi che non vedo una parrucchiera.
Manicure? Già è tanto che le unghie siano ancora al loro posto, visto che si sono insensatamente indebolite e si rifiutano di crescere.
Pedicure? Stessa identica cosa.
Mi trucco solo quando vado al lavoro, giusto per essere accettabile e "carina" per i clienti; gli altri giorni girovago per casa come una mendicante, con tanto di capelli alla rinfusa e pigiama/tuta addosso.
Non riesco proprio a mettere a fuoco l'ultima volta che ho fatto DAVVERO qualcosa per me.
La mia vita è un turbinio di gesti ripetuti, che non escono mai dai loro schemi; una tale noia che a volte arrivo a sera che mi sembra di impazzire. E poi sento la testa pesante, il cervello affaticato da tutti quei calcoli che mi intasano le meningi. Sembra sciocco, ma è davvero faticoso, nel senso fisico oltre che psicologico.
Ora che ci penso la mia vita è un susseguirsi di numeri e conteggi: oggi mentre camminavo ho notato che conto i passi per assicurarmi che io mantenga la giusta velocità. Che esistenza arida e noiosa. 
No, proprio non mi sono concessa niente oggi, dico davvero. Non riesco a individuare niente, se non la (doverosa) doccia+lavaggio capelli dopo la camminata. Che poi non è un qualcosa che mi sono concessa, ma solamente la naturale conseguenza dell'aver fatto sport per bruciare calorie.
Tutto ruota intorno al DOVERE nella mia vita.

IO DEVO DIMAGRIRE.
IO DEVO STUDIARE.
IO DEVO CONTROLLARMI.

Fosse facile poi controllarsi. Se vicino avessi le persone giuste sarebbe più facile, ma come faccio a non demoralizzarmi quando chi vive con te, sa dei tuoi problemi e paga pure la tua psichiatra, ti sbatte in faccia frasi del tipo:"Su quella foto lì avevi il viso da scheletrino! Ora si vede che sei ingrassata!" Grazie mamma.
SENSIBILITA'= 10+!!! 
Eppure lo sa. Lo sa quanto mi fanno male frasi del genere, quanto preferirei essere di nuovo quello scheletrino, quanto per me non sono complimenti il sentirsi dire:"Così stai meglio."
Lo sa, lo sanno TUTTI dentro questa casa.

Eppure NESSUNO capisce quanto dolore e insoddisfazione ci possano essere dietro tutto ciò.

L'ultima volta che ho ricevuto un commento del genere ho reagito consolandomi con un'abbuffata.
Questa volta mi sono voltata senza rispondere, ho sbattuto la porta della camera col viso rigato da 2 lacrime di numero e  in piedi ho lasciato che la rabbia mi percorresse il corpo, ascoltandola, accogliendola dentro di me, e lasciandola svanire sul pavimento sotto i miei piedi. Ho pensato prima di agire, ho ascoltato me stessa prima di correre in cucina. Perché in fondo so che dentro di me ci sono tutte le soluzioni e le risposte che cerco.
+24. Mi sento sempre più libera. Voglio essere leggera, voglio essere pura.



C: 1 cereal-yo ai frutti rossi+succo di prugna+ caffè macchiato (180 cal)
S: --
P: 50 gr di fagiolini+1 pesca (54 cal)
S: 4 carote+1 mela (199 cal)
C: 1 carota+1 mela+1 pesca (167 cal)

Tot calorie ingerite: 600
Tot calorie bruciate: 207 (45 min camminata veloce)
NETTO: 393 cal

9 commenti:

  1. veramente c'è stata oggi qualcosa che hai fatto per te..
    la rabbia la rabbia!
    l'hai controllata l'hai sedata l'hai fatta tua e infine l'hai allontanata!
    mentre prima ti saresti abbuffata!!!!
    hai fatto una cosa grandissima!!
    sei GRANDE!!


    un grosso abbraccio e un applauso

    RispondiElimina
  2. Concordo!
    Non è una cosa da poco..io sono partita un po cosi..accettando man mano di non scacciare il dolore..
    Accettare e decidere di SENTIRE e non fare ASSOLUTAMENTE NIENTE.
    Perchè si solito pur di non sentire faccio qualunque cosa, fare fare fare. Sempre agire. Mangiare, digiunare, abbuffarsi,bere, comprare compulsivamente, correre bruciare..
    Una volta ho solo pianto, ero triste e ho pianto..
    È stato l'inizio. Hai fatto una grande cosa..
    Purtroppo a volte le persone non sempre possono capire come vorremmo, è un limite loro..
    Magari semplicemente non ci riescono, perchè non lo vivono.
    Un abbraccio forte forte<3

    RispondiElimina
  3. Potrei aver scritto io la prima parte del post..
    Zero smalto sulle unghie, zero manicure, zero trucco, zero voglia di acconciare i capelli, zero, zero, zero.
    Anche a scuola, struccata. Un disastro. Come te l'unica " cura" la doccia+ shampoo+ magari piastrare i capelli. Stop :D
    Prima non ero così, ma più la mia mente veniva impossessata dal dca.. Più pensavo a smaltire, bruciare, assimilare il meno possibile, e più peggioravo dal lago estetico; trasandatezza a gogo, tanto che una volta addirittura un conoscente di mia madre ha detto che sono carina, ma che " mi lascio andare" . Il punto secondo me è che non riusciamo a mostrarci al meglio di noi stesse, ad essere carine, curate ecc. Finché non diventiamo magre come vogliamo. È come se dicessimo a noi stesse: " finché non sono magra, non merito nulla".
    Comunque la tua reazione all'abbuffata è stata esemplare. Se riesci ad abituarti a non reagire includendo il cibo..hai fatto un enorme passo in avanti.
    Ottimo il diario alimentare ( like always!) B.

    RispondiElimina
  4. Tua mamma ha sbagliato il termine, voleva dire che sei solo aumentata di peso - che non necessariamente significa ingrassare - ma che stai decisamente meglio rispetto a quando eri uno scheletrino...siamo noi che non riusciamo a dare il giusto peso alle osservazioni che ci vengono fatte, e scambiamo un complimento per un commento inopportuno.
    Comunque il dimagrimento non passa solo attraverso il cibo e lo sport, ma anche attraverso la cura del proprio corpo.
    Magari dopo la doccia fatti qualche bel massaggio sulle gambe usando una crema rassodante...è un modo sia per volerti bene, sia per aiutare il tuo corpo ad assumere sembianze piu' toniche :)

    RispondiElimina
  5. Ma allora non sono soltanto io a conciarmi tutti i giorni come una profuga e a pensare ''Potrò farmi le unghie/impacco ai capelli/avere una vita sociale/ truccarmi tutti i giorni quando sarò MAGRA e per adesso tanto vale non fare una cippalippa...

    E' un meccanismo distorto,come a dire 'non merito di avere cura di me stessa perchè tanto sono grassa e informe', non merito niente e non mi curerò fino a quando non sarò all'altezza, così imparo!
    Orribile...ma è ora di dare una svolta a questa solfa che si ripete all'infinito,e noi possiamo farlo perchè abbiamo la forza! :)
    Ti abbraccio :3

    RispondiElimina
  6. Ti capisco. Nemmeno io faccio niente per me stessa. E ho raggiunto la conclusione che con questo susseguirsi di doveri e mai piaceri, i primi non riescono bene come vorrei. Quindi finisce che sono frustrata perché non riesco in quello che devo fare e perché non faccio quello che voglio fare. Il mio consiglio è cercare di fare qualche piccola cosa per te. Per riuscire ad alleggerire tutta la tensione che ti attanaglia!
    Molto spesso chi ci sta a fianco non capisce che cosa è meglio dire e che cosa invece non dire. Questa che mi porti è l'ennesima prova di una cosa di cui ero già certa.
    Sono contenta che hai reagito e non ti sei lasciata andare in un'abbuffata. Perché hai reagito. E devi andarne fiera.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Mi dispiace tanto che la tua vita giri intorno a questi numeri e a queste ossessioni.. Certo, so che non sei tu ad importelo e per molto tempo sono stata proprio come te, ma vorrei davvero stringerti forte e dirti che prima o poi tutto andrà meglio.
    Capisco cosa hai provato nel sentirti dire "sei ingrassata", anche se tua mamma lo ha detto per dire che sei più in salute. Lo capisco perché a me lo disse tempo fa il mio istruttore di equitazione. Prima mi vedeva troppo magra e poi, un giorno, mi ha detto "Ah però, sei ingrassata un bel po'", tutto allegro. Il delirio. Non sono andata in maneggio per un anno e ho ripreso solo adesso, tanto per farti capire..
    Forza che non sei sola. Anziché le calorie della giornata, prova a contare quante volte ridi e sorridi. E' molto più importante. <3
    Un bacione!

    RispondiElimina
  8. Principessa mi dispiace, posso solo cercare di capire come sia la tua vita in questo momento.. Però uno sforzo lo devi fare, perchè ti meriti di fare qualcosa che sia per te stessa!! I momenti che dedichi a te stessa ti servono per coccolarti quando il mondo attorno sembra non capire quello che vuoi, non puoi stare senza e continuare a punirti! Coccolati un po' e sarai anche più motivata, credimi!
    Besitos

    RispondiElimina
  9. Cavolo....ho cominciato a seguirti da pochi giorni...ma questo post ti giuro che mi ha fatto venire le lacrime agli occhi...sono le stesse cose che provo io...gli sforzi che facciamo non sono mai abbastanza e pretendiamo sempre piu da noi stesse per raggiungere un obiettivo che spostiamo sempre più in alto.
    Comunque ho aperto da pochi giorni un blog anche io...se mi vuoi seguire.

    RispondiElimina